RELAZIONE DI COPPIA: CORREZIONE DELLA VISIONE

La relazione di coppia per come la conosci oggi è la più pericolosa e subdola espressione del sistema di pensiero egoico che crede fermamente nella limitazione e nella perdita. Pericoloso poiché è ammantato di apparente amore reciproco duale.
In realtà è una forma di potenziamento dei bisogni individuali, una specie di contratto reciproco tacito o esplicito in cui ciascuno si impegna a essere per l’altro tutto quello che l’altro vive e sente come mancante.
E’ la dichiarazione di incompletezza suprema di ciascun membro. La gabbia imperforabile di chiunque crede di essere retto adeguandosi a questo falso valore quando impostato sul completamento.
L’amore dei partners è legato a questa funzione di completamento e è sostenuto nell’intimità dalla realizzazione pratica del soddisfacimento dei bisogni dei componenti della relazione.
Ma attento bene perché non appena che uno dei due sembra “mancare” in uno dei ruoli/compiti che l’altro gli ha spesso inconsapevolmente attribuito, scatta automatica la delusione, il risentimento, il rancore, la rabbia.
E’ inevitabile d’altronde perché la relazione nasce e vive e si fonda su un sistema di pensiero in cui se qualcuno da, qualcun altro deve perdere. Se qualcuno prende, qualcun altro deve dare rinunciando a qualcosa.
E continua ad essere chiamato amore questo…
Da millenni questo è l’amore che conosci, il meglio del meglio di cui siamo capaci tra partners!
Che razza di amore è quello che può trasformarsi in tristezza, e paura, e rabbia, e odio furente di fronte a un pensiero, a una parola, a una azione del partner che è difforme dalla tua aspettativa ? O di fronte alla scelta del partner di cambiare compagno/a ? O di sperimentare qualcosa di diverso con o senza l’assenso dell’altro ?
” E’ questione di rispetto..” si risponde normalmente. E anche questa è una bugia camuffata da condivisibile verità.
Se non puoi guardare e sostenere tale evenienza non sei “innamorato”, sei schiavo dell’illusione di possedere l’altra persona e di essere in credito di qualcosa. E questo è quanto !
Puoi ancora dire di amare se ami così? L’amore non è possesso, non è aspettativa.
E inoltre non è subordinato a qualcosa da parte dell’altro.
Questo che hai chiamato amore e anche amore di coppia, non ha nulla a che fare con l’Amore.

L’Amore Vero è la tua reale natura.
Attraverso il vero Amore la relazione di coppia è il miracolo più stupendo che puoi guardare, la massima espressione del sistema di pensiero “liberato” da ogni credenza nella perdita e nella limitazione.
La relazione di coppia nell’Amore vero si fonda sulla più totale e completa fiducia nella Vita e nell’altro. E’ Libertà totale di essere ciò che si è per entrambi, di essere autenticamente sè stessi senza dover temere di manifestarsi.
Con la certezza che qualsiasi cosa l’altro possa dire, pensare, fare, con o senza l’assenso del partner sia la scelta più giusta per lui nella fase del cammino che sta percorrendo. Certo che se qualcun altro/altra attraversa la strada del tuo partner o di te stesso non è altro che un nuovo regalo della Vita, qualcosa che ti fa sorridere ancora di più. Sei nato per essere FELICE !!
Perché mai dovresti soffrire o rattristarti se qualcuno, qualcosa rende felice il tuo uomo/la tua donna ?
Al di là di quello che sei stato condizionato a credere, pensaci davvero un momento, dì a te stesso:
“Se io amo, perché qualcosa che fa bene a chi amo dovrebbe farmi male ? perché ?”
Lo vedi che credi nella perdita? Lo vedi che temi di perdere qualcosa a vantaggio di qualcun altro/a ?
L’Amore vero, quello che tutti siamo chiamati a incarnare, non ha aspettative, non ha bisogno di reciprocità, non può essere deluso, non conosce rancore, non si trasforma mai in rabbia.
Guarda l’altro per quello che è. Dona all’altro quello che può fargli bene. Accoglie qualsiasi cosa.
Non teme nulla, non cerca nulla, non prende nulla, non manca di nulla poiché è sovrabbondante in ciascuno dei due partners e ciascuno è completo e integro in sé stesso.
Da qui è veramente possibile amare.
Dalla più totale completezza e integrità.
Solo quando sei in armonia con te stesso e non manchi di nulla puoi godere appieno della compagnia di vita del tuo caro/a intimo/a compagno/a di cammino. E solo così puoi renderlo veramente libero e felice e sereno di poter essere come si sente.

E se lui/ lei “sentono” qualcosa per un altro/a, non puoi spaventarti, non puoi temere, non puoi provare rabbia, non puoi dispiacerti. Non ti senti diminuito, non ti senti in pericolo. Sai che non puoi perdere nulla di tuo perché non sei quello che hai, sei quello che sei. Tu sei Amore. L’Amore sei tu stesso, e lui/lei e l’altro/altra. Siamo tutti la stessa cosa.
Cosa è “il tradimento” ??
Che razza di categoria di pensiero primordiale… !
Cosa è l’abbandono ??
Sei stato abituato a credere di avere bisogno di stabilità. Ma la stabilità non è nelle condizioni di vita che cambiano di continuo, la stabilità è in te, la stabilità sei tu.
Sei forse ancora piccolo/a che hai bisogno di credere di aver necessità di essere affiancato e protetto da qualcun altro ritenendo così che l’altro per qualche strana ragione sia migliore di te ?
O sei intero e adulto e al sicuro!
O puoi guardare la Bellezza della persona che hai accanto nella totale perfezione di come lui/lei è ADESSO.
Accogli quello che è ORA senza giudizio e senza credere nell’emozione di paura, rancore, rabbia che ti deriva dal vecchio sistema di pensiero che finora da millenni ti ha portato solo “incertezza” e “paura” dei sentimenti e delle azioni dell’altro.

Amico abbandona ogni categoria di pensiero e di giudizio fondata sulla perdita e sulla limitazione. Abbandona tutte le costruzioni sociali che si reggono su tale evidente assurdità o resterai indietro, relegato nel filone evolutivo destinato a finire in un ramo secco.
L’evoluzione ti chiama ad essere Chi Sei. Amore, Sicurezza, Interezza, Pace, Pienezza, Gioia. In te, di per te stesso.
Incarnalo pienamente.
Se ancora temi e vivi schemi limitanti è davvero semplice quello che puoi fare: Passaci attraverso ed esci dall’altra parte.
Non fermarti più sul confine tornando indietro nei territori conosciuti e nella vecchia terra della limitazione.
Vai avanti e passaci dentro. Ne uscirai RINATO.
Non c’è nulla da temere.
Fatti questo regalo !

Ananda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...