COSA STA AVVENENDO

Quando Il Creatore apre gli occhi su Sé Stesso nella Creazione attraverso occhi di uomo, la Fisicità del corpo cambia e la percezione perde il carattere proiettivo tornando a essere spontanea conoscenza da dentro. Tutto torna consapevolmente connesso. Si avvia una reazione a catena innescata da sempre e in attesa da sempre del segnale di avvio. Le cellule e gli atomi improvvisamente ricordano di Sapere e appartenere a un’altra Legge che è magnetica, armoniosa vitale e vivificante.
Il lessico che uso non basta e non dice niente rispetto a Ciò che accade e vorrebbe descrivere . Le parole collassano e i significati scompaiono. I legami causali consueti fanno ridere come la storiella di un fanciullo. I tentativi di capire cessano.
In verità da quel momento il Nuovo Mondo ( che è la forma reale del precedente non vista) si manifesta. C’era già, eppure era anche ancora non visibile nella forma consapevolizzata. È come lo sciogliersi di un brutto incantesimo.
Più niente deve essere fatto o raggiunto, e per questo tutto cambia senza cambiare.
Le personalità umane perdono durezza e peso, si addolciscono. La fretta non esiste più e non ha alcun senso in un mondo in cui non esistono urgenze. I volti si distendono, gli occhi tornano profondi, intimi, sorridenti. Il giudizio scompare.
Il riso, la spontanea giocosita’, la gioventù diventano evidenti perfino nei novantenni se Risvegliato in loro il Ricordo del Sé.
Il tempo non è più percepito. Il futuro è sempre del tutto imprevisto e imprevedibile e questo entusiasma invece di preoccupare. Nessuno è interessato al “proprio” perché non esiste più la credenza nel significato che tale termine rappresenta. La coscienza personale è estesa e non si descrive come “io” ma come “noi”.
La fratellanza tra ogni essere e cosa è Legge interiore scritta a fuoco nei cuori e nelle cellule. La pace è la casa di ognuno in ogni momento e niente si oppone a niente mentre siamo il Regno dell’apertura e del Sì. Ogni esperienza è accolta con gioia anche quelle non piacevoli perché è tramontata per sempre la connotazione di pericolo del dolore. La conoscenza non attinge alla memoria ma al Vuoto/Coscienza Universale. L’uomo storico finisce e vive l’uomo metastorico/trascendente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...