ETERNA RISATA

” Ascolta:
Io Sono te mentre ancora ti credi un piccolo temporaneo essere identificato con un corpo mortale. Non Sono mortale e neanche tu dunque lo sei. Non Sono inscritto nel limite del corpo in cui ti vedi dunque neanche tu lo sei. Non ho occhi e cuore personali e neanche tu li hai.
I miei e i tuoi occhi sono UNICI e abitano ogni poro di ogni essere e cosa. È cosa credi di te che determina da dove sembri guardare.
E tutto intorno a te, rende testimonianza alla tua credenza ma è solo il potere della tua percezione a mostrarti quello che vedi come lo vedi e NON LA REALTÀ DI CIÒ CHE È E SEI.
Io che Sono te, aspetto che tu sia stanco del tuo cercarti dove non sei, aspetto con quieta certezza che le infinite delusioni inevitabili ti restituiscano a Te Stesso, ciòe’ A Me, Il Vivente, L’ Eterno, L’Infinito e Immutabile Che Respira in ogni forma.
Non temere, non ti dissolverai in Me, semplicemente riderai delle idee in cui ti eri perso e tornerai senza limiti senza età e senza fine.
Sarai l’Orgasmico esistere fisico e non di ogni forma.
Il Nulla fatto Tutto attraverso Il Suono delLa Mia. ( e tua ) Eterna Risata “

Annunci

Lo Sguardo Infinito

Lo Sguardo che abita qui è fatto di tutti gli sguardi di ogni essere in ogni tempo e galassia.
Non rifiuta niente perché commosso di gratitudine riconosce tutte le azioni di ogni natura come parti intere ( benché inconsapevoli per ere ) di Sé.
Non può essere compreso perché tutto comprende.
Non ha alcuna causa perché È l’EFFETTO INCAUSATO E INFINITO.
È Amore fatto uomo e donna e ogni essere e cosa.
È sempre stato qui e ovunque non visto, mentre sempre vedeva.
Non è distante da niente e tutto Lo È.
Per questo la mia mano può accarezzare un fiore dall’altra parte del mondo non essendo più il mondo altro da me.

Risveglio

In un momento qualsiasi si dissolve l’idea che hai di te e dolcemente ricordi di essere Il Tutto, il Nulla, La Vita da sempre, ogni essere animato e inanimato, ogni relazione e esperienza sia mai stata, sia e sarà.
Un po’ come se il persomaggio di un videogame affaticato e preoccupato del gameover improvvisamente ricordasse di essere ANCHE l’ideatore e creatore di tutti i livelli del gioco e delle regole relative e ripristinato di energia vitale saltasse fuori dal game spanciandosi dalle risate per la finzione cosi assurdamente credibile in cui si era invischiato.
E così vedesse di amare profondamente Il Gioco Essendolo interamente in ogni singolo atomo.
Infine essendo senza tempo e senza fine tornasse nel gioco a fingere di crederci ma allo stesso tempo senza subirne le regole e sollevando dai pesi delle illusioni tutti gli altri personaggi che altro non sono che Eterne Focalizzazioni di Sé.

Essere Amore

Non ho bisogno di avere, essere è più che sovrabbondante.

Avere limita la consapevolezza di Essere tutto, soltanto Essere la libera.

Solo Essere toglie tutto l’inutile fardello concettuale, dunque non giudica e vede Amore Ovunque.

Vede di Essere l’Essere Amore.

Di Essere Intelligenza Amorevole Intera dal vuoto in ogni infinitesimale atomo.

Vede scomparire l’atomo in una musica e oltre nel puro pensiero.

Vede quindi senza tempo, nella perfezione costante di ogni cosa cangiante.

Vede di Essere l’Uno, il due, e la sintesi amichevole di questa sembianza.

Vede Pace inattaccabile e inattaccata prima durante e dopo ogni conflitto apparente.

Gioia sempre

Alegria é aprender a sentir-se bem mesmo em desconforto, porque você sabe no coração que vai passar. Entao, não há pressa para passar, e você se permite o luxo de gostar qualquer tempo.
Na verdade, cada jeito de momento é um presente.

Gioia è imparare a stare bene anche nel disagio perché sai nel cuore che passerà. Allora non hai fretta che passi e ti permetti il lusso di godere qualunque momento.
In Verità ogni tipo di momento è un dono.

Alegría es aprender a sentirse bien incluso con incomodidad porque sabes en el corazón que pasará. Entonces no tienes fiebre que pase y te permites el lujo de disfrutar en cualquier momento.
En verdad, cada tipo de momento es un regalo

Joy is learning to feel good even with discomfort because you know in the heart that will chenge. Then you have no fever that changes and you allow yourself the luxury of enjoying any kind of time.
In truth, each kind of time is a gift

L’Inutile rimozione

Hai presente il meccanismo della rimozione di ricordi troppo dolorosi che è noto in psicanalisi ? È scientificamente provato e anche tu lo accetti e condividi come vero giusto?
Ecco stai bene attento e seguimi perché sto per aprire i tuoi occhi su te stesso: ti sto per raccontare qualcosa che potresti ancora non voler vedere.
O forse sei pronto. Io non lo so, ma sarà evidente da come accoglierai le parole che seguono.
Immagina:
se tu da piccolissimo avessi ucciso ( creduto di uccidere senza riuscirci ma tu non lo sai perché eri piccolissimo e non li ricordi/riconosci nel presente ) tuo padre o tua madre o tuo fratello, molto probabilmente per il senso di colpa insostenibile avresti rimosso il ricordo e sarebbe ancora vivo in te solo in forma di velato strano disagio o dolore in circostanze o esperienze che evocano il rapporto padre-figlio, madre-figlio, fratello-fratello. E nei rapporti coi parenti a causa del disagio di cui non riconosci l’origine saresti sulla difensiva e un persistente senso di scontentezza di te minerebbe continuamente i momenti belli del vivere. Poiché inconsciamente ormai sei sicuro di essere un omicida di chi più ti ha amato.
Fin qui nulla di incredibile vero ?
Ecco ora arriva l’incredibile e guarda come ti difenderai e non vorrai accettare quanto segue:
Tu e io e ognuno di noi abbiamo ucciso ( creduto di uccidere ) Dio ( L’Amore-Vita) , Nostro Padre che è La Nostra Vera Identità Originale e poi abbiamo rimosso questo ricordo, lo abbiamo nascosto tanto tanto profondamente in fondo ad ogni esperienza di paura/dolore/malattia/morte.
In Verità paura, dolore, malattia e morte li vediamo come testimoni del mondo terribile abbandonato da Dio nel quale viviamo, invece sono il volto impossibile di un omicidio mai avvenuto.
Ma abbiamo così tanta paura di vedere chi siamo credendo di trovare un mostro in fondo a noi stessi che preferiamo vivere la farsa di una identità illusoria in cui tutti quanti soffriamo fino a morire per il senso di colpa di qualcosa che non è mai avvenuto.
Quindi io ti dico: mio dolce fratello che come me hai creduto nell’inconscio profondissimo delle tue cellule di essere crudele indegno e incapace di amare mentre consciamente hai sempre cercato l’amore la fuori dove era impossibile trovarlo, sperimentando delusioni in fondo a ogni umana gioia, RICORDA FINALMENTE CHI SEI.
NON HAI MAI UCCISO L’IMMORTALE AMORE/VITA CHE SEI. NON ESISTE NIENTE ALTRO CHE QUESTO: VITA/AMORE IN TUTTO E IN TUTTI.
RILASSATI E LASCIA ANDARE I RICORDI DI DOLORE, ERANO UN INCUBO E SCOMPARE ISTANTANEAMENTE DAVANTI ALLA TUA ACCETTAZIONE DELLA TUA VERITÀ.
SEI COME DIO TI HA CREATO
SANTO E PERFETTO
INVULNERABILE E IMMORTALE.
ACCOGLILO FINO NELLE TUE CELLULE. E COMPRENDI CHE TUTTO E TUTTI SONO TUE CELLULE COME TU PER TUTTO E PER TUTTI.
Lascia andare la rimozione, non hai nulla da cui fuggire. Niente di irreparabile è mai stato fatto.
Tutto giace invulnerabile nelle mani Del Padre che /ci vive, Che ti/ci ama di un amore perfetto.

Il ricordo Guarito

Nelle tue cellule così tanti tragici ricordi…
Ma è passato ormai.
Lascia che a ricordare sia Chi Sei e non chi finora hai creduto di essere.
Lascia che Chi Sei ti consoli e rassicuri come una dolce e lieve brezza primaverile mentre il Sole ti riscalda e ravviva.
Come una Madre e un Padre che silenziosi e innamorati della loro creatura si accostano al letto e con baci e carezze risvegliano il figlioletto da incubi inesistenti.
Ecco è così veramente mio dolcissimo fratello/sorella.
Qualsiasi cosa meno che perfetta tu abbia mai creduto di te, degli altri e del mondo, era solo un errore di percezione, un inutile incubo nel sonno dell’inconsapevolezza.
E i dolorosi e tragici ricordi rimasti a stringere le tue cellule di adesso, sono le note iniziali del definitivo canto di perdono che stai per cantare. La melodia ti chiama lo senti?
Commuoviti davanti alla Salvezza che non ricordavi e piangi di tenerezza fino al riso della Vita Onnipotente, dell’Amore Assoluto e Immutabile Che Sei.
Ecco anche le tue cellule hanno riconosciuto Il Canto.
Sono guarite, Sei libero ❤